Hallfredsson: “La mia prima scelta è sempre stata Verona. A Mandorlini devo tutto”

Le dichiarazioni di Emil Hallfredsson, ieri ospite del Vighini Show: “Contro la Roma ci siamo ritrovati. Ora, in vista della gara contro il Cagliari, ci stiamo preparando molto bene. Il mister è carico come sempre. Sono molto fondamentali anche i tifosi. Sono molto legato a loro, sono qui da cinque anni e quindi mi trovo benissimo. Quando sono arrivato non pensavo che sarei rimasto così tanto. Non mi sono trovato bene nell’esperienza di Reggio Calabria, quindi a Verona sarei arrivato anche in C, come effettivamente è successo. Quell’anno è stato importantissimo. Il mio rapporto con Mandorlini? Devo tantissimo, forse tutto a lui. Spero di potergli dare ancora tanto. Sicuramente è il miglior allenatore che ho avuto, è fondamentale con noi, ci conosce bene e sa cosa possiamo fare. Mi aspettavo che quest’anno sarebbe stato così difficile. Ogni partita per noi è una finale, dobbiamo affrontare tutte le partite alla grande, come contro la Roma. Gli infortuni? Hanno pesato tanto sulla squadra, ma ora siamo quasi al completo e stiamo tutti meglio”.

“La mia prima scelta è sempre stata Verona, anche quando avevo il contratto in scadenza. Aspettavo solo che la società trovasse un accordo con il mio procuratore. Ma la mia prima scelta è sempre stata questa maglia e questa città”.

“Siamo sicuramente un gruppo unito. Noi vecchi siamo una parte importante, è chiaro, ma il gruppo c’è, è compatto. Rafa Marquez parla poco? Anche io, ci guardiamo molto (ride). E’ un bravissimo ragazzo, in campo in realtà parla molto, si fa sentire spesso”.

Domenica a Cagliari, per assurdo, potrebbe essere ancora più difficile che contro la Roma.

“Loro si giocano il tutto per tutto? Anche noi stiamo giocando per la salvezza e quindi giocheremo al massimo anche questa volta. Non so se siamo superiori rispetto alle altre squadre che stanno lottando per la salvezza. Anzi, non dobbiamo assolutamente pensarlo, altrimenti saremmo messi male”.

LASCIA UN COMMENTO

*