I retroscena della collaborazione con Futgold Colombia

Nasceva poco più di un anno fa l’innovativo progetto del Parma Calcio in Colombia, un progetto che permette a giovani calciatori selezionati (categorie U13, U15, U17, U20) di ricevere, grazie al modello didattico appositamente creato da Parma Football School, una formazione sportiva e calcistica completa, ma anche una formazione scolastica continuativa garantita dal Collegio Americano di Baranquilla. L’ideatore del tutto è Marco Marchi, creatore di Parma Footbal School e fino all’anno scorso dirigente tesserato per la società emiliana.Chiaro che per creare un progetto simile, chiamato Futgold, non sono necessari solo gli interessi di una grande società, come poteva essere il Parma, ma anche quelli di procuratori o visionatori di talenti che da un’opportunità simile possono veder crescere sotto i loro occhi giovani campioncini e poi cercare di piazzarli, ovviamente sotto la loro procura, alle squadre europee. Ed ecco infatti che, oltre al Parma, c’era ed è rimasta ancora la Reset Group, agenzia di procure sportive, capitanata da Carlo Diana e dal figlio di Marcello Lippi, Davide.

A Barranquilla, in Colombia, la scuola calcio Futgold oggi funziona benissimo: un progetto dall’alta professionalità e serietà. Il presidente è locale, José Francisco Castillo Tuiran, mentre il direttore generale è l’italiano Angelo Ronconi. Gli atleti nel collegio hanno a disposizione, fin da piccoli, di un luogo sicuro dove crescere, studiare, mangiare bene e sano, strutture mediche, palestre e aree video. Oltre che i campi da gioco, da dove può uscire un piccolo campione.

Juan Camilo Becerra è uno di questi. E i vari dirigenti di Futgold non hanno tardato ad avvisare i colleghi Micheli, Mantovani e Zunino, oggi visionatori dell’Hellas, della possibilità di portare a Verona il giovane colombiano in prova. Con 14 gol in 10 partite giocate, il giovane Becerra è il goleador della squadra Under 20 del Parma Football School Colombia e in tutte le categorie in cui ha giocato in Colombia ha sempre dimostrato grande affinità con il gol. È una punta centrale, che però non ha ancora il fisico formato, avendo solo 17 anni, ma con il lavoro può soltanto crescere. È arrivato in Italia con il suo collega d’attacco Johan Bocanegra, anche lui classe 1998, che andrà in prova alla Roma, accompagnati da Federico Spada, l’agente più giovane d’Europa, appena 24 anni, che lavora principalmente nel calcio colombiano. Forse non è un caso che i due siano andati in due società sponsorizzate Nike e siano sbarcati a Fiumicino completamente vestiti con abiti marchiati dal colosso americano: potrebbe esserci proprio lo sponsor tecnico gialloblù e giallorosso alle spalle di queste due interessanti operazioni.

Mercoledì inizierà il periodo di prova dei due giovani sudamericani. Sarà il campo, e non solo visionatori e sponsor, a decretare se potranno davvero diventare protagonisti importanti nel calcio che conta.

Nella foto (tratta dal profilo facebook del Parma Football School Colombia), si vedono all’arrivo a Roma (da sinistra) il dirigente Angelo Ronconi, Bocanegra, l’agente Federico Spada e Becerra.

Damiano Conati

LASCIA UN COMMENTO

*