Il bicchiere mezzo pieno

I mugugni per il doppio pareggio dei granata sono evidenti ma non per forza si deve vedere il bicchiere mezzo vuoto. La sfida interna di ieri racconta di un Verona che ha fatto vedere buone cose, soprattutto dalla mediana in su.

1- Viviani può diventare il faro: con la palla tra i piedi l’ex Roma dimostra di essere un valore aggiunto. Punizioni con il contagiri e aperture intelligenti lo pongono inevitabilmente al centro del villaggio. Con lui la manovra diventa armoniosa e pericolosa.

2- Tanto di cappello a Greco. Calato perfettamente nella parte di vice Hallfredsson dimostra di saperci fare perché aumenta la qualità di palleggio del centrocampo scaligero. Un altro giocatore rispetto a quello visto la passata stagione.

3- Gomez è l’uomo partita: segna, procura il rigore e mette in angustie spesso e volentieri la retroguardia granata. Un piacere vederlo inventare la’ davanti. Come il buon vino: passa il tempo e migliora.

Menzione particolare poi per Rafa Marquez, quasi un attaccante aggiunto sui calci da fermo a favore dei gialloblù. Nella passata stagione era il designato tiratore delle punizioni. Con Viviani suggeritore invece diventa uno straordinario incursore aggiunto e un affidabilissimo “guastatore”.

M.C.

LASCIA UN COMMENTO

*