Il goleador Ionita

4 presenze e 2 gol. Non male come inizio. Soprattutto perché trattasi di un centrocampista. Il moldavo Ionita imperversa nelle aree di rigore. E buca le reti spesso e volentieri. Il vizio del gol c’è l’ha sempre avuto: nell’Aarau, formazione del massimo campionato svizzero, ne ha messi a segno 16. Un giocatore dall’inserimento facile che sta facendo le fortune dell’Hellas. Fatte le dovute proporzioni, potrebbe assomigliare al Vidal juventino. Per il momento con il campione bianconero condivide solo il nome, Artur, ma l’inizio di stagione è scoppiettante. Mandorlini sta imparando a conoscerlo, a fidarsi e ad affezionarsi. Con Tachtsidis forma una diga di centrocampo ricca di muscoli e imprevedibilità. Sul campo si è meritato gli onori delle prestazioni. Ora sarà dura togliergli la maglia da titolare. Il ventiquattrenne moldavo è abituato a non mollare mai e a perseguire con costanza e sacrificio gli obiettivi prefissi. E già solo dopo poche gare mezza Italia si è accorta di lui. Bravo Artur, continua così.

Michele Coratto

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*