Jankovic: “sacrificio per la maglia”

Le dichiarazioni dell’attaccante gialloblù, Bosko Jankovic, rilasciate a Sky Sport 24 e Telenuovo al termine della sfida Hellas Verona-Sudtirol, terzo test match del ritiro estivo #Racines2014.

UN GRANDE GRUPPO
“E’ ancora presto per parlare. Abbiamo fatto tanto in questi ultimi giorni, ci siamo allenati bene e siamo molto motivati, anche i nuovi arrivati hanno voglia di fare e noi vecchi siamo vicini a loro perché sono ragazzi splendidi. Abbiamo un buon gruppo e dobbiamo continuare così perché la preparazione è importante per ognuno di noi. Stiamo cercando di prepararci al meglio per il campionato, tutto quello che stiamo facendo serve per quello, visto che sarà una stagione molto difficile. Ci mancano tanti calciatori forti, Iturbe l’anno scorso ha fatto la differenza e dovremo fare molto di più per salvarci. Solo stando tutti uniti si possono fare grandi risultati”.

IL SORRISO DI BOSKO
“Non voglio parlare di me, sto bene e devo dimostrare tutto quello che ho. Non è questione di essere più carico, sono sempre me stesso. Mi sento più rilassato nella mente, forse dopo un anno capisco di più il gioco che vuole Andrea Mandorlini. Non è facile, per uno che arriva da un’altra squadra, apprendere subito le direttive di un nuovo allenatore. Mi sono esercitato anche a casa, con il mio preparatore personale, nei venti giorni prima del raduno. Voglio mostrare il mio valore, voglio giocare il più possibile e spero di fare un buon campionato, per dimostrare di non essere un calciatore normale. L’anno scorso sono arrivato alla fine del ritiro ed ho fatto poco, mentre ora ho avuto l’occasione di allenarmi da subito con i miei compagni”.

DRAMMA SERBO
“Abbiamo avuto una tragedia ed io ho voluto aiutare il mio paese. Non voglio dire cosa o quanto ho fatto, però ho dato tanto per la Serbia, che negli ultimi anni sta soffrendo molto. Andiamo avanti, un bel periodo arriverà”.

#SAVEMORAS E LA GIOIA DI TONI
“Ha dimostrato di essere una grande persona, un grande giocatore e un grande compagno. E’ nei momenti difficili che si vede come sono gli uomini, noi gli siamo vicini e non vediamo l’ora di vederlo nel gruppo. Avere uno come Moras nello spogliatoio è fondamentale. Toni di nuovo papà? Siamo molto felici per lui, è una persona meravigliosa e lo aspettiamo in ritiro. Speriamo ne faccia molti altri (ride ndr)”.

Fonte: Ufficio Stampa Hellas Verona FC

LASCIA UN COMMENTO

*