La “banda del buco”

Da un anno e mezzo la retroguardia scaligera e’ sotto accusa per i troppi gol subiti. Quale sia il motivo è compito di Mandorlini scoprirlo. Noi di Hellas News ci limitiamo solo a proporre una semplice analisi della situazione.

CAMBIANO GLI INTERPRETI MA LA MUSICA E’ SEMPRE UGUALE
In estate la mezza rivoluzione di Sogliano ha portato lontano dalle rive dell’Adige Maietta, Albertazzi e Cacciatore rimpiazzandoli con Marquez, Brivio (Luna), Martic. Il risultato non è però stato, al momento, quello sperato. Segno che forse i problemi non stanno nel pacchetto arretrato.

L’INSICUREZZA DI RAFAEL NELLE USCITE
Il rischio è quello di risultare impopolari. Intendiamoci bene: onore, gloria e riconoscenza a Rafael, indiscusso portiere dai tempi della Lega Pro che in più di un’occasione ci ha salvati e portato punti (l’esempio più lampante di questa stagione e’ stato il rigore parato a Torino che ci ha fruttato la vittoria). Tuttavia è impossibile non annotare la sua cronica difficoltà nelle uscite. L’area piccola è spesso preda dei centravanti avversari e la difesa va in affanno sui cross dal fondo. Nel calcio moderno, avere un portiere che esce significa dare tranquillità ai compagni che tenderebbero a schiacciarsi meno a ridosso dell’area.

GOLLINI SCALPITA
Perché dunque non provare a dare qualche chances in più al giovane Gollini, patrimonio di inestimabile valore dell’Hellas Verona? L’operazione potrebbe risultare vincente così come successe al tempo del primo campionato in serie A con Prandelli quando, un allora giovanissimo Frey, rubò il posto a Battistini sfoderando il suo talento a suon di buone prestazioni. Tra l’altro, iniziare a farlo crescere giocando con continuità è nell’interesse della Società scaligera che ha dimostrato di credere moltissimo nelle doti dell’estremo difensore ex Manchester. Sia chiaro, per non essere fraintesi, che Rafael è un buon portiere e che è giusto continuare ad accordargli spazio, alternandolo però con il suo più giovane collega. Provare non costa niente..

Michele Coratto

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*