Le pagelle di Bologna vs Verona

di Enrico Brigi

GOLLINI 6,5: L’attacco abbastanza abulico del Bologna non lo impensierisce più di tanto. Bravo a farsi trovare pronto sull’incornata di Rizzo che fa gridare al gol il pubblico del Dall’Ara.

PISANO 6,5 : Promosso capitano disputa un incontro di sacrificio dove limita l’azione offensiva e si dedica a contenere le scorribande di Giaccherini e Masina. Nel secondo tempo con un intervento prodigioso in scivolata respinge la botta a colpo sicuro, sempre di Rizzo.

ALBERTAZZI 6 : Si limite come sempre al compitino, pensando prettamente a difendere per chiudere le fasce laterali dei rossoblù come richiesto da Delneri. Svolge quanto richiesto con sufficiente ordine ed attenzione.

BIANCHETTI 6 Seppur con qualche sbavatura riesce a contenere Floccari, apparso lontano parente della punta ammirata fino a qualche stagione fa. Buona l’intesa al primo colpo con l’esordiente Samir.

SAMIR 7,5 La grande sorpresa della serata. All’esordio da titolare, complice il ko per gastroenterite di Helander, dimostra sin dal primo minuto tempi giusti e grande attenzione. Ha inoltre il merito di segnare il gol vittoria con un preciso colpo di testa su corner “pennellato” da Viviani.

WSZOLEK 5,5 Solita partita di corsa e sacrificio anche se inizia a manifestare i primi segnali di usura. Difetta sempre, ma non è una novità, nell’ultimo passaggio.

IONITA 6 Partita poco appariscente ma di grande sostanza, dedicata soprattutto ad un minuzioso lavoro di copertura. Soffre qualcosa nella parte finale, messo in difficoltà dai nuovi entrati Rizzo e Zuculini.

VIVIANI 6,5 Nonostante la condizione ancora approssimativa conferma le sue doti di qualità e di attento lettore delle diverse situazioni di gioco. Dal suo piede parte ancora una volta il “pallone perfetto” per la testa di Samir.

GOMEZ 6 Ritrovata un minimo di condizione, appare più pimpante e mobile del solito. Peccato per la rete fallita sottomisura quando, colpendo con lo stinco, non riesce ad imprimere la traiettoria vincente alla palla gol servita sempre da Viviani.

EMANUELSON 6 Mette in vetrina le sue indubbie qualità tecniche con alcune giocate interessanti. La forma non sembra al top e Delneri lo toglie nella ripresa quando si accende inevitabilmente la spia della riserva.

PAZZINI 6 Chiamato al centro dell’attacco gialloblù al posto di Toni, si limita ad un lavoro di sponda e protezione della palla, tipo di gioco sicuramente poco incline alle sue caratteristiche.

SOUPRAYEN 6 Ritrova il campo dopo l’infortunio nei minuti finali e si adopera per garantire maggior copertura nel forcing prodotto dai felsinei. Bravo quando con una diagonale perfetta – finalmente – annulla un pericoloso traversone dalla sinistra di Giaccherini.

MARRONE 6 Entra nei minuti finali per “fare legna” in un centrocampo che inizia a dare i primi segni di cedimento.

GILBERTO 5 Dovrebbe garantire qualche ripartenza grazie alle sue doti di corsa ed invece finisce per fare confusione e perdere qualche pallone di troppo.

DELNERI 6,5 Dopo una settimana di lavoro non certo idilliaca, riceve risposte importanti dalla sua squadra che dimostra, nonostante tutto, spirito di sacrificio e disponibilità. Le scelte tattiche di inizio partita e quelle in corso d’opera vengono premiate dalla prima vittoria esterna di questa stagione. Nel post partita, incalzato sulla mancata convocazione di Toni, cerca di spiegare tatticamente una scelta che di tattico ha veramente poco o nulla. Con questo successo la situazione rimane più o meno la stessa – il Verona occupa rimane all’ultimo posto – ma dimostra che tutto non è ancora perduto.

LASCIA UN COMMENTO

*