L’Hellas getta al vento i 3 punti, deludente pareggio al Bentegodi

La 21^ giornata del campionato di serie B vede scendere in campo, nel posticipo del lunedì sera, l’Hellas Verona contro il Cosenza.

All’andata il Verona vinse a tavolino a causa di un terreno di gioco non in grado di ospitare una partita di calcio. Ora la situazione è diversa, i veronesi hanno assolutamente bisogno dei 3 punti per cercare di sfruttare al meglio i mezzi passi falsi delle dirette concorrenti alla corsa alla Serie A.

Grosso si affida al neo arrivato Di Gaudio per cercare di rendere subito offensiva la contesa. Anche Tupta in campo dal primo minuto, che assiema al capitano Pazzini proveranno a trafiggere la difesa avversaria.

Il Verona parte bene cercando di giocare in velocità sulle fasce, davanti gli ospiti paiono in difficoltà. Inizio d’oro per Di Gaudio che sulla fascia sinistra sta facendo il buono e cattivo tempo. Attorno al 21esimo una grandissima occasione per il Pazzo ben pescato da Gustafson, ma sul quale Perina compie un bel tuffo. Con il passare dei minuti gli ospiti prendono coraggio e creano qualche grattacapo a Silvestri.

Ma al 33esimo il match si sblocca: azione in area di Gustafson – Pazzini, il capitano tira il portiere respinge, la biglia resta sulla riga di porta e Tupta con una rapida zampata insacca l’1 a 0. Con il vantaggio si chiude il primo tempo.

Nella ripresa si riparte senza cambi, e il Cosenza prova a tornare in carreggiata. Al 7 ghiottissima occasione degli ospiti con un attaccante che da un metro tenta di segnare, ma Silvestri compie il miracolo. Doppio cambio per grosso dopo 22 minuti: fuori Di Gaudio entra Matos e fuori Pazzini per Di Carmine. Il ritmo cala drasticamente minuto dopo minuto, con i gialloblù che dovrebbero però provare a chiudere il match. Gol che arriva al 26 con Di Carmine abile a sfruttare una palla respinta dal portiere Perina su precedente tiro di Colombatto.

Alla mezz’ora mister Grosso deve far uscire Zaccagni per crampi, al suo posto entra Andrea Danzi. Il Cosenza riapre il match al 35 con Sciaudone abile a sfruttare una punizione battuta dalla fascia sinistra, insaccando di testa la rete del 2 a 1. Ma arriva la beffa al 39esimo con il gol del Cosenza con Idda che riporta in pari la contesa.

L’Hellas ci deve provare a tutti i costi, al 42esimo un miracolo di un difensore nega il gol a Matos. Sale il nervosismo, gli ospiti cercano di perdere tempo scagliando palloni in campo.

Si chiude in parità una partita che il Verona avrebbe potuto tranquillamente vincere, troppa sufficienza nel finale aiutano a sprecare ulteriori punti.

Formazioni ufficiali:

Hellas Verona: Silvestri, Bianchetti, Marrone, Dawidowicz, Faraoni , Gustafson, Colombatto, Zaccagni (30 2t Danzi) – Di Gaudio (22 2t Matos), Pazzini (22 2t Di Carmine), Tupta. Allenatore: Fabio Grosso

Cosenza: Perina, Idda, Dermaku, Legittimo (24 2t D’Orazio), Corsi, Bruccini, Embalo (20 2t Sciaudone), Mungo, Baez, Maniero (24 2t Perez), Tutino. Allenatore: Piero Braglia

Direttore di gara: Rapuano

Assistenti: Chiocchi – Luciano

IV uomo: Miele

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*