Mandorlini: “Pazzini sostituirà egregiamente Toni”

Le dichiarazioni dell’allenatore Andrea Mandorlini, rilasciate durante la conferenza stampa alla vigilia di Inter-Hellas Verona.

INTER PRIMA CON MERITO, MERCOLEDI’ SARA’ DURA

«La sfida contro l’Inter? È una partita notoriamente difficile, e lo sarebbe stata comunque vista la nostra storia. Abbiamo perso dei calciatori importantissimi ma c’è una gara da giocare. Questo è il bello del calcio e chi scenderà in campo avrà delle grandi motivazioni per fare bene. Pile ricaricate? C’era poco da ricaricare dopo l’Atalanta, quello che conta è il pareggio arrivato alla fine. Abbiamo fatto un punto importante, ora c’è un’altra partita contro un avversario forte e vedremo come andranno le cose. L’Inter? È davanti a tutti, merita di stare lì ma non partiamo battuti in partenza. È una squadra forte nei titolari e nelle seconde linee, per loro ci sono le premesse di una stagione importante, ma speriamo si fermino domani (ride, ndr). Mai dire mai, da tanto tempo non facciamo punti e ce la andiamo a giocare. E lo faremo con cuore ed entusiasmo».

 

TONI E MARQUEZ PERDITE IMPORTANTI

«L’assenza di Toni? Abbiamo un attaccante come Pazzini. Giampaolo è sempre stato dentro al gruppo. Su di lui non ho dubbi, ha qualità diverse nel gestire l’attacco e la squadra deve adeguarsi con molta serenità e tranquillità. Nella mia testa c’era già l’idea di fare qualche cambio, il bollettino medico è pesante ma c’è la partita che è la cosa più bella. Giocheremo anche per i ragazzi che non ci sono. Marquez? Dispiace per lui, veniva da prestazioni importati. Siamo rammaricati per lui e per Luca, come per tutti gli altri infortunati. Ci sono altri calciatori e altre partite da giocare, la squadra è pronta a battagliare, tutta unita».

 

FORMAZIONE ANCORA DA SCEGLIERE

«Sala? Ogni partita e ogni prestazione hanno la loro storia. È stata una gara storta per molti quella di Bergamo. Da qui si cresce, Jacopo per noi è determinante come tutti gli altri. Guardiamo avanti e pensiamo a fare meglio. Helander o Bianchetti? Matteo ha fatto bene e Filip è pronto. Ci penserò. Wszolek? È un ragazzo fantastico, sempre sorridente. Può fare diversi ruoli, vediamo domani. Chi gioca in porta? Rafael è il titolare, vedremo domani chi giocherà. Se cambieremo modulo? Siamo stati sfortunati ma abbiamo Giampaolo Pazzini e ce lo godiamo. Dobbiamo cercare di sfruttare al massimo le sue caratteristiche. Forse porteremo Matuzalem in questa trasferta poi avremo il tempo di recuperare qualche calciatore. Hallfredsson speriamo di averlo per il Chievo, Romulo si opera, così come Ionita. I nostri sono tutti infortuni lunghi».

 

CHE CARATTERE CON L’ATALANTA

«Il gol subito da Maxi Moralez? Era un momento un po’ particolare della partita, si può prendere gol in mille modi. Potevamo fare meglio nell’occasione, come potevamo andare in vantaggio noi. Quella di Bergamo è stata una gara difficile, poi è venuto fuori il carattere e le tante convinzioni che la squadra ha. Il pareggio è stato motivo di grande soddisfazione e di grande orgoglio. Ora è il momento di fare grandi sacrifici, per tanti motivi, e questo deve unirci tutti».
Fonte: hellasverona.it

LASCIA UN COMMENTO

*