Mandorlini: “Squadra e società fanno cose importanti”

Foto: Andrea Mandorlini

VERONA – Ecco le dichiarazioni dell’allenatore gialloblù, Andrea Mandorlini, rilasciate alla trasmissione “Il processo del lunedì”, in onda su Rai Sport 1 e condotta dal giornalista Enrico Varriale: “Io l’allenatore del momento? Tutta la squadra e la società stanno facendo cose importanti. Ci mancava una partita così, abbiamo ottenuto un risultato bello e meritato contro una grande squadra. L’arbitro Doveri? A caldo si fanno fatica a valutare certe situazioni, qualcosa è stato sbagliato e noi abbiamo avuto sfortuna su certi episodi. Se il rigore poteva cambiare la partita? Ho sentito tanti commenti, credo che la massima punizione ci poteva stare perché Vidal è andato verso la palla con il braccio. Altri discorsi non servono, questo pareggio vale come una vittoria. Il nostro carattere? Questi risultati vengono da lontano, da quattro anni seguiamo un principio, una filosofia. Abbiamo vinto la Lega Pro e la Serie B giocando con determinate caratteristiche, la società è sana e vicina al tecnico, l’entusiasmo ci sta facendo fare cose incredibili. Se pensavo di fare un campionato così? Vedevo il buon potenziale, speravo di vincere tante partite. Così ci è capitato e siamo contenti. Tanti ragazzi erano in Lega Pro con me, al nucleo importanti si sono aggiunti calciatori di esperienza e qualità: ci sono tante componenti che hanno reso importante il Verona. L’obiettivo? Resta la savezza. Raggiunti i 40 punti sarò il primo a pretendere dei miglioramenti, perché questa piazza splendida li esige, ma ora pensiamo a dare continuità ai risultati. Chi sogno di allenare? Vivo il presente, rappresentato da questa società incredibile. Toni? E’ stata un’idea nata in estate parlando col direttore: cercavo un attaccante con certe caratteristiche. Ci siamo parlati, ho capito che era il calciatore giusto per noi e lui ha accettato. E’ stata una scommessa che stiamo vincendo entrambi”.

Fonte: HellasVerona.it

LASCIA UN COMMENTO

*