Montagne russe

di Michele Coratto

L’altalena continua. Da – 7 a – 10 dalla Sampdoria passando per il – 9 dal Palermo, a reti bianche ieri contro il Bologna e ora attuale quartultima. Montagne russe forzate, imposte dalle “giacchette nere”. Responsabilità indiscutibili della classe arbitrale che affossano ineluttabilmente i gialloblù. Il Verona paga caro l’ultima posizione di classifica e ogni fine settimana viene vituperato da sistematiche decisioni contrarie. Collassare per manifesta inferiorità e’ una cosa, retrocedere ultimi perché azzoppati di proposito e’ tutta un’altra storia. Chiediamo rispetto. Ieri 2068 tifosi in trasferta sono stati presi in giro: pagare il biglietto per assistere ai consueti errori arbitrali non è più concepibile. La Società si faccia sentire con il Palazzo o minacci di ritirare la squadra. In serie B ci andiamo da soli. Gli avversari non hanno bisogno di alcun aiuto esterno. La misura è colma, ora basta.

CONDIVIDI
Michele Coratto
Michele Coratto si diploma al Liceo Classico “Scipione Maffei” e si laurea in Scienze della Comunicazione a Verona. Giornalista dal 2011, collabora con la Redazione Sportiva de L'Arena ed è Direttore Responsabile di Hellas News.

LASCIA UN COMMENTO

*