Obbadi’: “Vinto contro una grande squadra”

Le dichiarazioni del centrocampista gialloblù Mounir Obbadi, rilasciate al termine di Fiorentina-Hellas Verona (0-1).

 

GOL CHE DEDICO AL VERONA E ALLA FAMIGLIA

“Il gol? Siamo partiti in contropiede dalla nostra area di rigore, siamo stati veloci e dopo un tiro di Lazaros io sono stato pronto a mettere in rete la respinta di Neto. Ho ricevuto degli sms dalla famiglia e da qualche amico, ma tutto tranquillo (ride, ndr). A chi dedico il gol? A tutti i tifosi e alla società del Verona, oltre che alla mia famiglia. Il mio ingresso in campo decisivo? Potevo segnare anche prima, sul cross di Sala, ma questo non è accaduto. Diciamo che il sinistro non è il mio piede. Meno male che alla seconda occasione è andata meglio, sono felice per squadra e tifosi. Abbiamo fatto una grande partita, abbiamo 36 punti ma questo non ci basta. Vogliamo fare meglio nelle partite che restano da qui alla fine perché la salvezza non è ancora matematica. Abbiamo fatto una grande partita, vincere qui a Firenze è difficile per tutti. Il fallo di Rosi su Toni? Per me era da rosso, Luca si sarebbe involato da solo verso la porta. L’arbitro ha deciso diversamente, non è un problema, la vittoria è più importante”.

 

BRAVO RAFAEL, CHE PARATA

“Il rigore respinto da Rafael? Ero convinto che potesse pararlo. Durante gli allenamenti è forte nei rigori, ha fatto una parata contro il Torino e abbiamo vinto, anche contro la Fiorentina ci ha permesso di conquistare i tre punti”.

 

LA MIA STAGIONE? ORA STO BENE E QUESTO E’ IMPORTANTE

“La mia stagione? Non so perché ho avuto così tanti infortuni, ci sono stati dei calciatori importanti che sono rimasti fermi. Ora la squadra sta bene ed è questo quello che conta. Adesso c’è il Sassuolo, una partita importante dove vogliamo fare bene per i nostri tifosi. Il mio ruolo? Posso giocare davanti alla difesa o più alto, seguo le indicazione dell’allenatore. L’importante è giocare”.

Fonte: Ufficio Stampa H. Verona F.C.

LASCIA UN COMMENTO

*