Pandur: «La Serie A era il mio sogno da bambino e il Verona è un Club con una storia importante»

Queste le principali dichiarazioni del portiere gialloblù Ivor Pandur, rilasciate nel corso dell’undicesimo giorno del ritiro di #ValGardena2020 a Hellas Verona Channel.

Il mio primo impatto? Semplicemente fantastico: per me è un sogno che si avvera. Non posso che essere entusiasta di giocare nella Serie A italiana, in una Società importante e blasonata come questa, ma anche di aver trovato questo staff e questi compagni di squadra. Certo, so che dovrò lavorare molto per migliorare e per adattarmi al calcio italiano, ma non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura e di mettermi a disposizione della squadra.

Il gruppo dei portieri? Il preparatore, Massimo Cataldi, è un bravo allenatore e una bella persona: sin da subito mi ha fatto capire di avere idee precise su come farmi migliorare e su come adattarmi al suo metodo di lavoro. Non posso che ringraziare i miei compagni di ruolo, Silvestri e Berardi, perché mi hanno fatto subito sentire a casa e perché durante gli allenamenti sono prodighi di consigli con me. Sono due grandi portieri.

La Serie A? E’ il mio sogno da quando avevo 9 anni: per me è il miglior campionato al mondo: c’è la cultura del bel gioco e i calciatori hanno grande personalità. Fonte: hellasverona.it

Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*