Paro: «Verona sbalorditivo: che emozione avere come avversario il mio ‘maestro’ Gasperini»

Queste le principali dichiarazioni dell’allenatore in seconda gialloblù Matteo Paro, rilasciate al termine di Hellas Verona-Atalanta:

Se è andata come l’avevamo preparata? Sapevamo che squadra andavamo ad affrontare ed è stato un duello a tutto campo. Credo che i ragazzi abbiano dimostrato una volta di più la loro crescita: siamo diventati una squadra veramente competitiva e siamo contenti della prestazione di oggi, perché giocare contro l’Atalanta in questo momento non è facile. I ragazzi hanno giocato alla pari per 95′: devono esserne orgogliosi.

Come ho vissuto la partita? È stato un pomeriggio particolare, avevo di fronte il mio ex allenatore, mi sembrava strano giocarmela con lui, mi sono emozionato.

Il paragone con l’Atalanta? Io e mister Juric abbiamo imparato tanto da Gasperini, lui sta facendo un lavoro straordinario ed è un vero e proprio modello, non solo per noi. Poi è ovvio che ci siano delle differenze, perché ogni tecnico apporta delle modifiche e adatta i propri alla squadra che allena.

Dove è migliorabile il Verona?  Anzitutto dobbiamo ancora finire il campionato, il gruppo ci tiene a dimostrare di poter affrontare le restanti gare nel modo giusto, anche per riconfermare la bontà del lavoro fatta sinora. Si possono sicuramente affinare certe cose in attacco, sulle conclusioni, o sotto l’aspetto difensivo per evitare qualche incertezza, ma sempre sulla scia del percorso continuo che abbiamo fatto da inizio anno.

Amrabat? Ha una presenza straordinaria in campo e anche lui, come tutta la squadra, ha acquistato nel tempo sicurezza e consapevolezza: gli auguriamo di continuare così. Fonte: hellasverona.it

Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*