Pazzini e Romulo le matasse da sbrogliare 

Romulo e Pazzini restano a tutti gli effetti delle grane per il club di via Belgio. Entrambi tengono ben salde le valige in mano, pronti ad iniziare una nuova avventura in serie A. 

Un milione per il “Pazzo” e un milione e trecento mila euro per Romulo sono ingaggi che il Verona non può tollerare, soprattutto nel rispetto delle regole del “salary cap” imposte dalla Cadetteria.

Il neo diesse Fusco e’ già al lavoro per piazzarli. Ma se per l’ex milanista la destinazione Lazio sembra probabile soltanto stracciando l’assurdo contratto quinquennale, per l’ex juventino il Verona ci rimetterà un sacco di soldi. 

Per l’oriundo infatti la minusvalenza e’ scontata. Se la destinazione sarà Cagliari, probabilmente Romulo andrà via con il prestito secco.

I guai fisici e l’incapacità di dimostrare di essere tornato quello di due anni fa non spingono di certo verso una monetizzazione della cessione a titolo definitivo.

Romulo e’ una scommessa per chiunque e l’Hellas può solo evitarsi i prossimi emolumenti accompagnandolo di fatto a fine contratto.

Il cartellino del brasiliano infatti si libererà nel giugno dell’anno prossimo quando si svincolerà a parametro zero. 

Un addio lungo dodici mesi colmo di rimpianti, rimorsi e privo di soddisfazioni siano esse di natura sportiva o montaria. Insomma, una fregatura completa..

M.Cor.

LASCIA UN COMMENTO

*