Pazzini: “Sono ancora un bomber”

Le dichiarazioni di Pazzini: in mixed zone: 

“Speravo di segnare così tanti goal. La decisione di restare é stata difficile, avevo tutto da perdere. Devo ringraziare tutta la squadra. 

Siamo a metà, ora bisogna recuperare, ci aspetta un girone di ritorno bello. Mi sono calato in una realtà diversa, e questo é stato difficile, la serie B é diversa dalla A. 

Sono molto contento quando riesco ad aiutare la squadra, mi riempie di soddisfazioni ed orgoglio. Una bella rivincita? Si, sono più di 400 partite, e sono contento. L’anno scorso non si era visto il vero Pazzini. Sono ancora un giocatore forte. 

Sono contento per Boldor, si é sempre allenato bene e si merita questa gioia. Io capogruppo? É molto più faticoso. Ho conosciuto tanti capitani, alcuni utili solo per il pari e dispari a centro campo, altri veri leader. 

Mi piace essere leader, da tante soddisfazioni. Abbiamo avuto qualche momento opaco, siamo stati bravi a non mollare. Se restiamo uniti arriveremo. Il Verona ha sempre avuto un campionato di vertice, quando sei primo hai la pressione addosso. 

Tanti si nascondono nonostante il potenziale, a noi questa cosa non interessa. La mia famiglia qui sta molto bene, andare via lo scorso anno sarebbe stato facile, ma non lo avrei mai fatto. Quest’anno se avessi fatto 4 sarebbe stata una figuraccia, e invece..”

Stefano Pozza

CONDIVIDI
Stefano Pozza
Dopo il diploma di maturità classica, mi sono laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Padova. Dal marzo 2012 sono iscritto all'Ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti. Nella vita di tutti i giorni lavoro come Buyer, e coltivo due grandi passioni: la politica e il giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

*