Pecchia: “Pazzini in forse ma dobbiamo tornare a far punti”

Le dichiarazioni dell’allenatore gialloblù Fabio Pecchia, rilasciate nella conferenza stampa in vista di Hellas Verona-Bologna, 13a giornata della Serie A TIM 2017/18.

LA GARA CONTRO IL BOLOGNA E COME STA IL VERONA

«Bologna? Hanno una propria identità precisa, con giocatori di esperienza e di qualità, riescono a fare bene entrambe le fasi anche grazie al lavoro del loro allenatore. Noi dobbiamo riprendere dalle prestazioni precedenti a quella di Cagliari ritrovando il nostro spirito e giocando con un’anima diversa, prima di quella partita il Verona era in crescita, ma ora dobbiamo pensare a fare punti. Gli infortunati? Kean, Ferrari e Bessa non saranno della partita lunedì, Pazzini ha preso un colpo sul tendine d’Achille e oggi abbiamo preferito tenerlo a riposo, sta stringendo i denti, valuteremo in questi giorni se utilizzarlo. Dispiace per Zaccagni, mi auguro che la cosa possa risolversi quanto prima, ma ora abbiamo Calvano, un ragazzo che si è sempre allenato al massimo con umiltà, può essere utile nel corso della stagione».

L’ANALISI DI CAGLIARI

«Abbiamo analizzato quella gara, i ragazzi non sono soddisfatti della prestazione fatta e hanno voglia di riscattarsi. Dobbiamo sviluppare la maturità giusta per saper affrontare anche le giornate sottotono con un piglio diverso, cercando di portare a casa i risultati anche attraverso partite ‘sporche’, sfruttando meglio gli episodi ma giocando sempre con grande voglia e determinazione».

NIENTE CALCOLI, CREDIAMO TUTTI IN QUESTO GRUPPO

«Meglio non perdere? Io dal primo giorno dico alla squadra che ogni partita va giocata per il massimo obiettivo, senza fare calcoli. Credo fermamente in questo gruppo così come il presidente Setti, che oggi era presente all’allenamento. Fa piacere che ci venga a vedere a Peschiera, può toccare con mano l’intensità, la voglia dei ragazzi. In questo momento bisogna avere la forza di guardare avanti, siamo tutti convinti di poter uscire da questa situazione, il campionato lascia le porte aperte».

LASCIA UN COMMENTO

*