Pisano: “Voglio restare a Verona. Battiamo il Cesena per salvarci”

Le dichiarazioni del difensore gialloblù, Eros Pisano, rilasciate a margine della visita allo stand della Casa Vinicola Sartori, official supplier gialloblù, in occasione di Vinitaly 2015.

 

IL PRESENTE E IL FUTURO

“Come sto a Verona? E’ un buon momento, avevo bisogno di mettere minuti nelle gambe. Un calciatore ha sempre voglia di giocare tutte le partite, qui finalmente sto trovando continuità e ringrazio Mandorlini, che mi ha subito dato fiducia. Spero di ripagarla con le prestazioni sul campo e soprattutto con i risultati della squadra. La concorrenza sulla fascia sinistra? ll calcio è questo, adesso sto giocando io e magari poi giocheranno Agostini e Brivio. L’allenatore fa le scelte che ritiene opportune, loro si stanno allenando bene e sono sempre i primi a darmi il cinque prima di entrare in campo. Il mio futuro? Ora penso a finire il campionato con il Verona, mi farebbe piacere rimanere qui perché mi sono trovato bene e mi piace l’ambiente. Ma l’importante adesso è raggiungere il nostro obiettivo”.

 

CESENA, PARTITA IMPORTANTE

“La sfida con il Cesena? E’ una partita importante, giochiamo con una diretta concorrente per la salvezza. Dobbiamo vincere per non dare ulteriore ossigeno ai bianconeri. Quota salvezza? Ci sono ancora tante partite da giocare, è difficile da stabilire. Sicuramente bisogna fare più punti possibili, poi vedremo gara dopo gara. Noi vogliamo raggiungere il nostro obiettivo il prima possibile, credo che a 40 punti ci si possa salvare tranquillamente”.

 

CON LA LAZIO VOLEVAMO FARE MEGLIO

“Cosa è mancato contro la Lazio? Ogni partita è diversa dall’altra. I biancocelesti ci hanno messo in difficoltà, noi abbiamo provato a pareggiare la partita nonostante lo svantaggio iniziale, ed è normale aver lasciato qualche contropiede di troppo. La squadra ha comunque provato a portare a casa un risultato diverso ma non ci siamo riusciti. Felipe Anderson è un calciatore che in questo momento ti rompe la partita ed è in grado di coprire tutta la fascia. Tutta la Lazio comunque sta bene ed è una squadra difficile da battere”.

 

TIFOSI, LUCA TONI E VINITALY

Il nostro pubblico, quando giochiamo in casa è l’uomo in più. Sono veramente affiatati e ci hanno sempre supportato, grazie a loro siamo riusciti a fare degli ottimi risultati in un momento per noi difficile. Qui, come a Palermo, la gente vive di calcio. Giocare a Verona è come essere in una grande squadra, siamo sempre seguiti e i tifosi, anche in trasferta, sono sempre in tanti. Luca Toni? Fa bene al gruppo, viene al campo ed è sempre positivo. Aiuta i giovani, è bello avere vicino un ragazzo come lui. La presenza al Vinitaly? Non sono un appassionato di vini, però è comunque una bella esperienza essere qui. So quanto Verona tiene a questa manifestazione e quanta gente porta”. 

 

ORIUNDI IN NAZIONALE

“Gli oriundi in nazionale? Se meritano è giusto che vengano convocati. Vazquez ha giocato con me a Palermo, sono contento per lui, e credo che se gli italiani sono più bravi possono rubare spazio gli oriundi che ci sono adesso”.

 

Fonte: Ufficio Stampa H.Verona F.C.

LASCIA UN COMMENTO

*