Ripartiamo dalle certezze: Tachtsidis

Da qualche gara si è ritagliato uno spazio importante e ha dettato i tempi della manovra con maestria. Tachtsidis è tornato: il greco ha iniziato a prendere per mano la squadra e sta piacendo per intensità, ritmo e precisione nell’ultimo passaggio. Taxi si è spogliato di ogni presunzione, ha impugnato la clava e si è finalmente trasformato in quel guerriero che serviva gettando nella mischia cuore, grinta e convinzione. Con il Torino e’ stato l’ultimo ad alzare bandiera bianca ripagando la fiducia di Mandorlini che non ha mai smesso di difenderlo e di trattarlo come un figlio. Gagliardia e spirito, a dire il vero, sono qualità che non gli hanno mai fatto difetto e che ora il tifoso si augura possano pervadere endemicamente il resto del gruppo. Ce n’è davvero bisogno.

M.C.

LASCIA UN COMMENTO

*