Rispunta Cassano: “Torno a Cagliari o all’Entella”

A distanza di un mese dall’addio al Verona, caratterizzato da un’imbarazzante sequenza di cambi di rotta e dichiarazioni mal gestite, Antonio Cassano torna a parlare, attraverso un’intervista rilasciata alla GdS.

“Chi sa giocare puó stare anche fermo però deve arrivare una chiamata giusta, mi sono dato settembre come termine” – inizia Cassano, che precisa: “Cagliari ed Entella, al momento non ho nient’altro”.

Impossibile non tornare al capitolo Hellas Verona e Fantantonio spiega di nuovo cos’è successo in riva all’Adige: ” Se mi sono pentito di aver lasciato il Verona? No, non è scattata la scintilla, volevo andare via dopo 3-4 giorni e l’ho comunicato a Pecchia. Mi sentivo un alieno, troppi giovani, non era l’ambiente per me. Non era un problema fisico, semplicemente a 35 anni non ce l’ho fatta a ripartire da zero. Se sono depresso? No sono un uomo felice e sono stato coerente: a Verona non mi trovavo bene e me ne sono andato”.

Il talento di Bari Vecchia continua poi a ruota libera: “Quando avrò smesso di giocare rimarrò nel mondo del calcio, potrei fare il direttore sportivo” -spiega, lasciandosi poi andare ad una previsione sul campionato in corso: “Quest’anno il campionato lo vincerà l’Inter, Spalletti è un genio”.



CONDIVIDI
Federico Messini
Federico Messini nasce a Villafranca di Verona il 15/05/1990. Studente in lettere moderne presso l'Università degli studi di Trento. Scrittore e cantautore ha all'attivo due pubblicazioni : "Il gioco degli spiccioli" uscito nel 2013 e "Il doppiatore" uscito nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

*