Setti cambia strategia e vira verso l’austerità

Basta deleghe finanziarie. Setti toglie potere alla figura del diesse e accentra su di se’ la firma finale sulle operazioni di mercato. Dopo tre anni di “vacche grasse”, qualcosa sta cambiando nelle stanze dei bottoni del club di via Belgio. E non solo nel rinnovamento delle figure dirigenziali. La mutazione è nella struttura aziendale che sembra gradualmente passare da orizzontale a verticale. Setti è stato chiaro e il passaggio su Sogliano e’ rivelatore del cambio di rotta, verso cioè un regime di austerità: “Quando l’anno scorso Sogliano doveva andare al Milan gli ho detto che avrebbe dovuto cambiare il suo modo di lavorare, mentre a Verona aveva la libertà di azione. Ora non sarà così, cercherò di essere più presente e vorrò avere un controllo più diretto dei conti”. Ciò significa un’accelerazione ulteriore verso il nuovo corso Hellas 2.0. Forse non si tratterà di ridimensionamento ma di gestione più oculata e parsimoniosa, questo sì. Il disavanzo tra i 55 milioni incassati a fronte dei 70 spesi e’ stato il campanello d’allarme che ha modificato la strategia aziendale. Chiarificatrici anche altre dichiarazioni del Presidente: “A chi rimarrà cercherò di infondere ritmi di lavoro più rigidi e più duri”. E poi ancora: “rosa da 27 a 23 calciatori” e, aggiungo io, un contratto all’allenatore peggiorativo nelle cifre guadagnate in una singola stagione. Serve altro per capire che il cambio di rotta verso l’austerità e’ già qui?

M.C.

LASCIA UN COMMENTO

*