Setti: “L’Hellas ha nelle corde un finale di campionato superiore alla semplice Salvezza”

Le dichiarazioni del presidente gialloblù, Maurizio Setti, rilasciate durante lo Sponsor Day a Villa dei Cedri.

 

CON L’INTER VOGLIO VEDERE LA GIUSTA CATTIVERIA

“La gara con l’Inter? Speriamo di rifarci, me lo auguro, se fossi uno dei miei calciatori vorrei scendere in campo con la giusta cattiveria. Il risultato con il Cesena non è stato giusto, eravamo 3-0 e loro sono riusciti a pareggiare, ma il calcio è anche questo, il bello di questo sport è che ogni settimana si ha la possibilità di cambiare le regole del gioco. Arriverà una squadra che ha un grandissimo blasone, ma che non è in un momento di forma. Penso che siano arrabbiati anche loro e che arriveranno con tanta presunzione, dopotutto rimangono l’Inter, e noi dovremo essere ancora più cattivi per portare a casa, possibilmente, il risultato pieno”.

L’OBIETTIVO? OK LA SALVEZZA, MA…

“Il finale del campionato? Giustamente parliamo sempre di salvezza, ma io credo che il Verona abbia nelle sue corde le possibilità di fare un campionato un po’ superiore rispetto ad una salvezza stringata, 27 punti a diposizione sono tanti, credo che il Verona abbia il dovere di conquistarne parecchi”.

 

IMPORTANTE INVESTIRE SUL CALCIO

“Un commento sullo Sponsor Day? Questa giornata è un premio per chi ci ha accompagnato in questi anni e continua a farlo. Il calcio non è solamente la partita della domenica, ma è fatto anche da tante persone che ogni giorno dimostrano il loro impegno. Questa è la dimostrazione che stiamo lavorando al meglio per questa città e questa squadra, e di conseguenza un augurio a diventare una famiglia sempre più numerosa.  La nostra intenzione è sempre quella di migliorarci, credo che questo sia un bellissimo momento che vada non solo a premiare chi c’è, ma anche a far capire all’esterno quello che possiamo fare. Perché investire nel Verona? Credo che lo strumento dell’Hellas Verona sia un modo diverso di fare branding. Numeri alla mano, chi sponsorizza squadre di calcio ha molta più visibilità, e non mi riferisco soltanto ai backdrop, ma al b2b (Business-to-Business, ndr), che conta moltissimo. Credo che le relazioni e i rapporti internazionali che si possono creare col calcio siano molto importanti”.

 

INTERNAZIONALIZZIAMO IL BRAND VERONA

“Come sarà il futuro del Verona? Come dico da quando sono arrivato, ormai tre anni fa, il mio è un Verona che intende internazionalizzare il marchio sempre di più e che intende progredire a livello di Settore Giovanile, a parità di risultati sportivi vogliamo portare avanti un discorso che si concretizza nelle attività quotidiane di ognuno di noi. In poche parole, intendiamo creare i presupposti affinché ogni cittadino e ogni azienda, veronese e internazionale, possa trarre vantaggio dallo strumento Hellas Verona”.

 

IL BENTEGODI? TIFO STRAORDINARIO

“Un commento sui nostri tifosi? Non lo scopriamo certo adesso che il Bentegodi è il valore aggiunto di questa squadra, quando si gioca in casa il tifo è qualcosa di straordinario”.

 

 

Fonte: Ufficio Stampa H. Verona F.C.

 

LASCIA UN COMMENTO

*