Sfida al Sassuolo con pochissimi ex

Dopo Cagliari e Bologna, società amiche e stracolme di ex da una parte e dall’altra, arriva la sfida al Sassuolo dove gli ex non sono moltissimi. Il Verona ad esempio non ha nessun giocatore in rosa che in passato abbia militato nella società di Squinzi.

Sono due invece gli ex gialloblù a Sassuolo. Il portiere di riserva dei neroverdi è Luca “Para” Pegolo, giusto per non scordare i nomignoli di Roberto Puliero. 197 presenze con la maglia dell’Hellas, più tutto il settore giovanile: un’icona nella storia recente dei gialloblú. A guidare la difesa degli undici di Bucchi c’è invece “il fratello giusto” Paolo Cannavaro. 26 presenze e un gol nell’anno con il finale disgraziato di Malesani in Serie A. Cannavaro era un giovane scugnizzo napoletano che iniziava la sua carriera da sbarbatello nel calcio dei grandi, proprio con a Verona. E la sua carriera iniziata al Bentegodi, da allora è stata un crescendo.

Infine c’è un ex mancato: Giampaolo Pazzini, che il 31 agosto scorso è stato vicinissimo al passaggio al Sassuolo e che oggi guida da capitano incerottato l’attacco scaligero.

LASCIA UN COMMENTO

*