Toc toc, Società, ci sei?

Bandiere, sciarpe al cielo e il solito, indomito, calore. Sempre quello del dopo Hellas – Spezia del 2007. E poi c’è quel coro, da pelle d’oca, dedicato ai ragazzi in maglia gialloblù, che non rischieranno mai di restare soli. “Insieme a Voi” – incita la Sud. Sentimenti forti, orgoglio oltre ogni limite che tracima in qualcosa di viscerale, profondo. Un laccio così stretto che trova sfogo tanto nell’entusiasmo di un buon risultato quanto nella delusione per l’attuale momento delicato. A Peschiera, dopo la sconfitta con il Genoa, una contestazione civile, niente di più. Un semplice chiarimento, un faccia a faccia per chiedere ai giocatori un esame di coscienza. Zero scene parossistiche. I nervi sono ancora rilassati. Ma l’apprensione, quella si, inizia a farsi avvertire. Il cielo sopra il club di via Belgio e’ plumbeo e l’orizzonte non è affatto sgombro da nuvole. L’Hellas non è allo sbando ma la situazione inizia a farsi critica. In tutto questo Mandorlini finora è l’unico parafulmine. In Società le bocche sono cucite: Presidente, Direttore Generale e Direttore Sportivo dove siete? Prima che tutto precipiti, date un segnale forte! Il Verona e i suoi tifosi hanno bisogno di sentire la voce della proprietà sia per stoppare sul nascere qualsiasi tentativo esterno di destabilizzazione sia per raddrizzare l’andazzo sportivo della squadra.

M.C.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

*