Un bel Verona supera la Samp di misura

Damiano Conati

Quello che si presenta allo stadio Briamasco di Trento è un Verona senza l’intera linea difensiva: assenti per infortunio Bianchetti e Caracciolo, Ferrari e Felicioli, Cherubin, Romulo e Heurtaux. Senza dimenticare che i documenti di Caceres non sono ancora stati depositati. La linea difensiva gialloblù contro la Sampdoria rimane così sperimentale per tutti i 90 minuti, con l’esterno d’attacco Bearzotti terzino destro, Fares terzino sinistro, il primavera Kumbulla centrale insieme a Souprayen.

Nonostante ciò, la difesa gioca una partita superba, concedendo pochissimo (solo un palo nel primo tempo) a Quagliarella e company.

La partita non è bellissima e il Verona pensa più a difendersi con ordine e ripartire, soprattutto con Verde. Per lunghi tratti Kumbulla e Souprayen si dimostrano i migliori in campo. 

Nel secondo tempo, la Samp rivoluziona la squadra mentre Pecchia, anche a causa della rosa cortissima, cambia il minimo indispensabile. E proprio un nuovo entrato, Zaccagni, trova il diagonale perfetto di sinistro sotto l’incrocio, laddove l’ex settore giovanile del Verona, Tozzo, non può arrivare.

Finisce 1-0 per i gialloblù che possono gioire anche per il buon esordio di Büchel e per il pubblico sempre presente in massa a sostenere la squadra.

Formazione Hellas (4-3-3)

Nicolas; Bearzotti, Kumbulla, Souprayen, Fares; Bessa, B.Zuculini, Büchel (Zaccagni); Cerci (Luppi), Pazzini (Fossati), Verde (Laner).

LASCIA UN COMMENTO

*