Facciamo chiarezza sulle cifre del paracadute

*Quanto spetta al Verona?*

Retrocedendo in B, al Verona andranno 25 milioni di euro. Questa è l’unica certezza. Perchè negli ultimi 4 anni, ha giocato in Serie A per tre stagioni (squadra di Fascia C). Lo dice il regolamento. Come pure al Benevento ne andranno 10, essendo squadra di Fascia A, cioè avendo giocato in A una volta sola negli ultimi 4 anni.

Qualsiasi sia la terza a retrocedere non cambiano queste due cifre. Poi se sarà squadra di Fascia C (Chievo, Cagliari o Udinese), questa riceverà 25 milioni, se sarà di Fascia B (Crotone), ne riceverà 15, se sarà di Fascia A (Spal) saranno 10 i milioni di paracadute. Quindi la notizia che interessa ai tifosi è che l’Hellas incasserà sicuramente i 25 milioni di euro del paracadute.

*Quando li riceverà?*

Arriveranno in due tranche. 10 milioni all’indomani dell’ultima di campionato (il 21 maggio), i restanti 15 milioni entro fine agosto.

*Cosa perde il Verona se retrocede un’altra di Fascia C?*

Se dovesse retrocedere una squadra di Fascia C, come Chievo, Cagliari, Udinese, sarebbero distribuiti tutti e 60 i milioni stanziati annualmente per i paracaduti: 25 per questa, 25 al Verona, 10 al Benevento. Ciò significherebbe che non resta residuale per l’anno successivo. Se una squadra di Fascia C dovesse infatti restare in B per due anni di fila, il primo anno incassa i 25 milioni di paracadute e il secondo incasserebbe il residuale, che, in caso di caduta di una tra Chievo, Cagliari o Udinese sarebbe pari a zero. Per cui il Verona perderebbe i milioni di un eventuale secondo anno di fila in B, ma niente più.

*Conviene o no retrocedere?*

Come scrivevamo a febbraio (http://www.hellasnews.it/vuoi-vedere-che-a-setti-conviene-stare-in-serie-a/), con la nuova ripartizione dei diritti tv, il Verona incasserà 18 milioni in meno retrocedendo. 25 di paracadute, contro i 43 di diritti tv. Senza contare una serie di altri fattori (coefficienti percentuali per gli anni futuri, sponsor, visibilità) che pesano nel conteggio finale. È vero che costruire una squadra di Serie B è meno oneroso e anche il monte stipendi sarà notevolmente più basso, ma le perdite rispetto ad una permanenza in A da quest’anno sono davvero pesanti. Quindi ci sentiamo di confermare che questa retrocessione rappresenta un fallimento sportivo, ma anche economico. E il paracadute è una consolazione. Una magra consolazione.

Damiano Conati

LASCIA UN COMMENTO

*